Loola: la startup degli artisti a portata di clic

 In Intervista alla startup
intervista francesco donato loola

Oggi intervistiamo Francesco Donato,  founder di Loola.

Oltre a questo è attore, comico e presentatore, lo abbiamo anche visto a Zelig! Non potevamo non chiedergli un’intervista tramite video.

Grazie Francesco e benvenuto nel nostro blog.

Iniziamo a scoprire la tua piattaforma per artisti e come è nata l’idea!

Francesco, presentati per chi non ti conoscesse già!

(Trascrizione del video)

Ciao amici di Specialisti del Web sono Francesco Donato, pugliese, 37 anni, lavoro in diversi campi: sia in quello dello spettacolo che in quello degli eventi da più di dieci anni a questa parte. Proprio dall’ambito degli eventi e dal lavorare con un mio socio sia in ambito comico che in ambito di presentazione di eventi mi è venuta l’idea di loola.it, il tuo artista a portata di clic.

Interessante. Raccontaci di più su Loola. Che cosa è e a chi si rivolge?

(Trascrizione del video)

Cosa fa Loola? E’ una vetrina web che ha due mondi, da una parte quello degli artisti e dall’altra quello delle persone e li fa incontrare. Le persone hanno una

esigenza di base che è quella di poter organizzare un evento, un diciottesimo di compleanno, una convention.  Gli utenti si affacciano a Loola.it per scegliere e per scoprire artisti che possono servire ai loro eventi. Facciamo un esempio: un diciottesimo di compleanno un papa non riesce a trovare un dj per il figlio o la figlia oppure quando devi cercare una band per il matrimonio o ti serve un presentatore o una presentatrice per una convention aziendale, un comico per un convention o per una serata di piazza, per una sagra. Tutti questi artisti li posso cercare e trovare all’interno di Loola.it.

A chi si rivolge Loola.it? A tutti! Business to business: agli artisti e anche agli agenti degli artisti. Business to consumer invece si rivolge sicuramente a qualsiasi utente in Italia che ha voglia di organizzare un evento e non riesce a trovare un artista adeguato al proprio evento.

Come è nata l’idea di Loola?

(Trascrizione del video)

Come è nata l’idea di Loola.it? E’ nata da un aneddoto: si sposava uno dei miei migliori amici, Sergio. Io ero il suo testimone di nozze. Sergio è un ragazzo intraprendente, che aveva anche in gioventù una band musicale. Nonostante avesse diverse conoscenze nell’ambito della propria città e nella propria provincia e regione, non voleva selezionare degli amici ma voleva una band che ancora non conoscesse ma non sapeva come e dove trovare questa band.

E’ nata quindi da questa idea e dal fatto che comunque lavoravo nel mondo dello spettacolo e mi rendevo sempre più conto, parlando con tanti amici e colleghi, che c’era sempre più difficoltà a farsi conoscere fuori dalla propria zona di origine. Naturalmente questo vale per chi è meno famoso, ma anche per chi è più famoso e ha avuto una presenza in tv e ha già in larga scala un ottimo lavoro ben retribuito, ha sempre bisogno di trovare nuovi eventi, quindi a volte oltre ai propri agenti (per chi ha un agente) si ha bisogno di trovare nuovi orizzonti, trovare i nuovi lidi, perché comunque un artista che lavora in maniera professionale è di per se un’azienda.

Da lì è nata l’idea di Loola.it e abbiamo cercato di mettere in pratica quella che era l’idea di unire l’utente con gli artisti.

Che strategie di digital marketing state usando?

(trascrizione del video)

Siamo una startup quindi naturalmente i fondi e gli introiti al momento sono minimi.

C’è bisogno di investire, però in una prima fase abbiamo trovato una soluzione che si può avvicinare se vogliamo al  network marketing, utilizzando e sfruttando il “baratto” con gli artisti. Gli artisti sono persone che sui social sono molto conosciute, hanno tanti follower su Twitter, Instagram e Facebook e facendo parte del circuito Loola.it abbiamo cercato delle sinergie e delle collaborazioni che potessero essere utili sia per loola.it che anche per l’artista.

Naturalmente quale può essere un tipo di baratto del genere? Una convenzione, una minore fee rispetto alle commissioni che utilizzano gli altri artisti se si collabora e si fa pubblicità al sito loola.it.

Qual è l’altro metodo che stiamo utilizzando? Abbiamo una sezione magazine,  curata dalla nostra pubblicista Marica Scoccimarro, che scrive articoli in ottica SEO, sia inerenti ai nostri stessi artisti (quindi interviste, relazioni,  incontri, video) sia interventi giornalistici o veri e propri articoli di giornale che parlano del mondo dello spettacolo in tutte e quattro le categorie che sono quelle che fanno parte di loola.it, ovvero: band musicali, comici, presentatori e  dj.

Grazie Francesco per questa bella intervista video e in bocca al lupo per il progetto!

 

E tu, lettore, hai apprezzato l’intervista video? Faccelo sapere 😉

E se sei curioso di scoprire altre startup, leggi le nostre altre interviste alle startup italiane.

Dietro Specialisti del Web ci sono due giovani, Alessio e Giulia, che vogliono contribuire alla diffusione dell’informazione sul mondo delle startup italiane.

Post suggeriti

Cosa ne pensi di questo articolo? Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Inizia a digitare e premi invio per effettuare una ricerca