SplittyPay: intervista alla startup per smezzare il conto

 In Intervista alla startup
intervista startup splittypay

Oggi intervistiamo Alberto, CEO di SplittyPay, che ha trovato la soluzione per non litigare con gli amici quando c’è da dividere i pagamenti online 😉

Tra l’altro, SplittyPay aprirà il 10 ottobre 2018 la campagna di crowdfunding. Chissà che magari leggendo quest’intervista tu non decida di investire.

Ma adesso iniziamo: Ciao Alberto e benvenuto nel nostro blog!

Raccontaci un pò di SplittyPay: cosa fate? A chi vi rivolgete? Che problema volete risolvere?

Ciao ragazzi, è un piacere raccontare la mia esperienza qui!

SplittyPay è una piattaforma di pagamento alternativo, selezionabile direttamente in fase di check-out sul sito e-commerce scelto, che ha lo scopo di rendere semplici gli acquisti e le prenotazioni di gruppo, senza dover fare collette e senza rischiare di non ricevere indietro la somma anticipata.
La nostra esperienza ci insegna che questo rivoluzionario metodo di pagamento salverà molte amicizie. 😉

Ci rivolgiamo a tutte quelle persone che stanno per effettuare un acquisto di gruppo, che si tratti di un viaggio o di un regalo, oppure a chi vuole dividere le spese su più conti in modo da poter gestire i limiti delle proprie carte di credito.

Il nostro obiettivo è quello di facilitare gli acquisti online di importi elevati, permettendo agli e-commerce di non perdere clienti per problemi di pagamento. Allo stesso tempo miglioriamo l’esperienza di acquisto degli user, permettendo loro di pagare senza dover anticipare soldi per altre persone e senza fare collette passando per applicazioni terze, che comportano un notevole spreco di tempo.

Ecco come funziona!

Come è nata l’idea? Vi siete ispirati a qualcosa di esistente, o da un vostro bisogno, o altro…?

L’idea è nata da una esperienza personale. Molto spesso io e Matteo (co-founder) facciamo viaggi e vacanze di gruppo con i nostri amici e puntualmente al momento del pagamento c’è sempre da discutere su che carta utilizzare per procedere alla prenotazione. Più volte è capitato di perdere l’offerta per mancanza di fondi su una singola carta, rischiando di far saltare la vacanza.

Siamo sicuri che, come succede a noi, succederà spesso a molti altri. Per questo motivo abbiamo deciso di provare a risolvere il problema con un metodo di pagamento vero e proprio che non debba passare per una registrazione o download di un app, ma che sia fruibile direttamente al momento del bisogno, ovvero in fase di pagamento.

Come utilizzate il digital marketing nella vostra attività? Quali strumenti usate e con che obiettivo?

Fino a questo momento la parte di digital marketing è stata curata internamente da me e Matteo, senza grossi risultati a dir la verità.

Con l’inizio della nostra campagna di Crowd abbiamo deciso di affidarci ad una agenzia esterna sicuramente fino a chiusura della campagna, in futuro ci piacerebbe integrare una figura che si occupi di questo direttamente all’interno del team.

Quindi farete attività offline e online speciali in questo periodo di crowdfunding?

Si, stiamo impostando la strategia marketing per la campagna di Equity Crowdfunding disponibile sul portale 200Crowd. Punteremo molto sui social aziendali come Facebook e LinkedIn, con lo scopo di mostrare le dinamiche aziendali, far conoscere il team e portare le testimonianze degli investitori che hanno già creduto in SplittyPay. In parallelo continueremo a partecipare ai numerosi eventi e pitch competition in cui promuoveremo anche li la nostra campagna di crowdfunding.

Per quale motivo bisognerebbe investire in SplittyPay?

SplittyPay è una realtà nuova, fondata nell’aprile del 2018. In questi pochi mesi abbiamo avuto una crescita esponenziale grazie anche al primo round da 210k€ ricevuto a luglio. Operiamo nel settore Fintech, dove al momento sono concentrati la maggior parte degli investimenti e dove i margini di crescita sono i più elevati. Investire in noi vorrebbe dire investire in un settore in forte espansione, in una startup che sta entrando sul mercato e che mira ad una espansione rapida anche al di fuori dei confini italiani.
Attualmente il team è composto da 6 persone, 3 dei quali sviluppatori full-time. Questo round di finanziamento servirà per entrare sul mercato e completare il team.
La campagna sarà pubblica sul portale 200Crowd dal 10 ottobre!

Ed ecco qui il team:

team-splittypay startup intervista

Grazie Alberto per questo tuo racconto e in bocca al lupo per il crowdfunding e i progetti di crescita!

Dietro Specialisti del Web ci sono due giovani, Alessio e Giulia, che vogliono contribuire alla diffusione dell’informazione sul mondo delle startup italiane.

Post suggeriti

Cosa ne pensi di questo articolo? Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Inizia a digitare e premi invio per effettuare una ricerca